22 Apr 2022

Leggi il capitolo nove de Il pensiero tibetano su L’Indiscreto

  Imparare a morire dal pensiero tibetano   "In Tibet il pensiero della morte è ancora molto presente, come si nota dalle infinite rappresentazioni di teschi e scheletri nei monasteri, mentre noi lo abbiamo reso qualcosa di cui vergognarci, da nascondere e ritardare il più possibile. Secondo Ariès, è proprio la continua negazione dell’ineluttabilità del trapasso a essere causa delle nostre nevrosi, del nostro malessere esistenziale e della nostra infelicità. La crisi dell’individuo moderno sembra

22 Apr 2022

Il pensiero tibetano su Rai Radio 3

  Su Rai Radio 3 si è parlato a lungo de Il Pensiero Tibetano di Dejanira Bada, nel programma Pagina 3.   Per chi si fosse perso il passaggio in radio, è possibile ascoltare l'estratto su Rai Play Sound (minuto -9,40).   Tratto dall’articolo per L’Indiscreto: imparare a morire dal pensiero tibetano.   Puntata:   Credere alle bugie   Oggi indaghiamo come le bugie alterino il pensiero, la geopolitica, la memoria: la guerra e le

24 Gen 2022

La consapevolezza come antidoto al nichilismo

  E se la vera natura delle cose fosse davvero il nulla? Però il nulla è già qualcosa. E se fosse nulla assoluto? Vacuità?   L’essere umano combatte da sempre contro questo non sapere, contro questo nulla inaccettabile, contro la sua stessa coscienza, questa psiche che non si riesce a trovare, a capire, che non si sa cosa sia ma che ci rende consapevoli non solo di essere vivi ma anche di dover morire, a

17 Dic 2020

Yoga e kleśa. Cosa ci insegna lo yoga sul come rimuovere la sofferenza

  "La mente è l'artefice principale della nostra felicità e della nostra sofferenza. E questa è una buona notizia perché possiamo trasformarla."     Un giorno ho riconosciuto in me l'emozione della rabbia.   Noi non siamo la nostra rabbia, è bene capirlo.   Ho riconosciuto la rabbia, l'ho sentita crescere, e mi sono accorta che stava aumentando da molto tempo.   In preda a questa rabbia scrissi un articolo che è diventato virale nel

2 Lug 2020

Gli ostacoli della mente che ci impediscono di tornare alla normalità

Di: Dejanira Bada   I 5 ostacoli alla meditazione sono qualcosa che i praticanti conoscono bene, e sono: desiderio – agitazione – pigrizia – dubbio – avversione. Credo che questi ostacoli si prestino bene anche per spiegare cosa impedisca a molte persone di tornare alla normalità dopo l’emergenza legata al Coronavirus. Il desiderio o attaccamento come volontà di rimanere chiusi in casa per sentirsi al sicuro, per evitare contatti con altre persone ma soprattutto per

16 Dic 2019

Questo non è un paese per deboli. L’uomo per cercare il divino è disposto a tutto- viaggio tra Nepal e Tibet, il luna park cinese della spiritualità

  Di: Dejanira Bada   “Il lato chiaro”   Cosa cerca l’essere umano? Un significato o un modo per sentirsi immortale? Di cosa ha bisogno un uomo? Di stare seduto a gambe incrociate in un ruscello gelido, tremando come un ossesso, cantando, invocando Dio per farlo entrare in sé? È di questo che abbiamo bisogno? E per fare cosa? Per capire qual è la verità? Chi ha la verità? Dove sta la verità? Perché abbiamo

24 Nov 2019

L’artista occidentale è come il monaco tibetano, entrambi intuiscono che forse c’è una realtà ultima, ma che è inspiegabile

  Di: Dejanira Bada   Einstein non riuscì mai ad accettare che "Dio giocasse a dadi", ma pare proprio che invece sia così, e che addirittura, come disse Stephen Hawking, "Non solo Dio gioca a dadi, ma a volte ci confonde gettandoli dove non li si può vedere."   Niels Bohr, invece, rispose a Einstein di "smettere di dire a Dio cosa deve fare con i suoi dadi".    Richard Feynman fu più breve e